Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per fornire i propri servizi e migliorare l'esperienza di navigazione.

Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

Notizie, iniziative, appelli

Escluso dalla depenalizzazione il reato di maltrattamento animale

Come già annunciato a dicembre, è stato eliminato il reato di maltrattamento degli animali dal Decreto della Depenalizzazione dei reati minori per tenuità del fatto, che entrerà in vigore il 02 aprile prossimo. Il decreto escluderà i reati contro gli animali perché, come cita la Gazzetta Ufficiale al Capo I, «l'offesa non puo' essere ritenuta di particolare tenuità, ai sensi del primo comma, quando l'autore ha agito per motivi abietti o futili, o con crudelta', anche in danno di animali.»

Madrid vieta l'eutanasia dei cani randagi

Storica vittoria degli animalisti spagnoli: il 12 marzo 2015 l'Assemblea di Madrid ha approvato una legge che vieta l'uccisione degli animali randagi. La nuova legge renderà illegali l'abbandono e l'eutanasia dei cani, anche se soltanto nella capitale spagnola. I gruppi politici di tutti i partiti si sono riuniti in una decisione unanime, su pressante richiesta dei cittadini. "Oggi è uno dei giorni più felici della nostra vita", ha detto il presidente dell'associazione "El Refugio" Nacho Paunero. "La nostra organizzazione ha combattuto per 19 anni per rendere illegale l'eutanasia di cani a Madrid e nelle zone circostanti. Abbiamo detto che non avremmo mai smesso di lottare fino a quando non avremmo realizzato il nostro obiettivo e finalmente l'abbiamo fatto! "

Fonte: El Refugio

Petizione contro la macellazione rituale

La normativa europea circa la macellazione prevede obbligatoriamente lo stordimento preventivo degli animali ma una precisa deroga legislativa autorizza le comunità islamiche ed ebraiche a non osservare tale obbligo. Queste culture prescrivono che gli animali siano macellati senza preventivo stordimento, devono, quindi, restare coscienti nel momento dell'uccisione che avverrà recidendo trachea ed esofago (taglio della gola). Chiediamo al Governo e al Parlamento italiano di abrogare il D.M. 11 giugno 1980 "Autorizzazione alla macellazione degli animali secondo i riti religiosi ebraico ed islamico" e di non applicare il comma 4 dell'articolo 4 capo II del Regolamento (ce) n. 1099/2009 del Consiglio.

La petizione del Partito Animalista Europeo

Petizione ENPA: farmaci generici per animali domestici

Curare gli animali da compagnia è diventato un costo insostenibile per le famiglie italiane, già duramente provate dalla crisi e da un carico fiscale estremamente oneroso. L’attuale normativa prevede infatti che i veterinari non possano prescrivere ai loro pazienti animali farmaci per uso umano nel caso in cui siano disponibili medicinali veterinari – più costosi - con le stesse indicazioni terapeutiche. Chiediamo al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che venga resa obbligatoria la prescrizione medica del principio attivo, piuttosto che la marca del medicinale, anche per i medicinali destinati all’uso animale.

Firma la petizione dell'ENPA

Cercasi sistemazione per 5 caprette

Riceviamo e diffondiamo questo appello:

Cercasi sistemazione per 5 capre tra Veneto e Lombardia

Riceviamo un appello urgente per la sistemazione - sperabilmente solo temporanea - di 5 capre femmina: Bianchina, Grillina, Neve, Nocciola e
Macchia. Attualmente si trovano in una cascina a Pavia, ma la persona che le ha adottate 2 anni fa, Mariapaola, ha la necessità di trasferirsi in Veneto per almeno 6 mesi, verso la fine di febbraio, e non può portarle con sè.
Si cerca una struttura che le possa accudire, tra il Veneto e la Lombardia.
Questi animali sono sempre stati insieme, fin dalla nascita. Mangiano fieno e pane secco.
Trasporto a carico di Mariapaola, da concordare il contributo per il foraggio.

Chi potesse occuparsi di queste bestiole, o avesse suggerimenti utili per trovare una struttura adatta - ovviamente NON allevamenti! - scriva
direttamente a Mariapaola alla mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Grazie!

IN EVIDENZA

Login Form