La Cina pianifica di ridurre del 50% il consumo di carne

Una buona notizia per gli animali e per il pianeta: il governo cinese ha delineato un piano per ridurre il consumo di carne dei suoi cittadini del 50% entro il 2030. Le nuove linee guida dietetiche elaborate dal Ministero della Salute cinese stabiliscono che ciascuno dovrebbe consumare tra 40g a 75g di carne a persona al giorno.
Le linee guida, che vengono diffuse ogni 10 anni, sono state progettate per migliorare la salute pubblica, vista l'enorme quantità di malattie causate oggi da alimentazione basata su prodotti animali. La Cina infatti, nella transizione da paese con popolazione tradizionalmente rurale e vegatariana a economia emergente, ha visto un enorme aumento del consumo di carne, una volta considerata un lusso.

Questo sta accadendo anche in altri paesi in via di sviluppo, assieme ad un aumento della popolazione globale, tanto che le previsioni parlano di un raddoppio della richiesta di carne a livello planetario entro il 2050, che porterebbe il totale degli animali uccisi a oltre 400 miliardi ogni anno.
Oltre al risparmio di una enorme quantità di vite animali, questa decisione del governo cinese potrebbe diminuire di 1 miliardo di tonnellate la quantità di gas serra emessi dalla Cina fino al 2030, contro un totale previsto di 1,8 miliardi di tonnellate. Infatti la maggiore sorgente di gas serra è l'allevamento di bestiame, come già rilevato nel 2009 da questo rapporto del Worldwatch Insitute: http://www.worldwatch.org/node/6294
Fonte: The Guardian

Login Form