URGENTE - Fermiamo il progetto di legge sul nomadismo venatorio in Veneto

Lo scorso martedì 7 giugno in Consiglio Regionale Veneto si è discusso il PDL 138 che reinserisce il dannosissimo nomadismo venatorio, ovvero la possibilità per il cacciatore di spostarsi al di fuori del proprio ATC (ambito territoriale di caccia).
Questo provvedimento è osteggiato anche da Federcaccia e da molti cacciatori locali di fauna stanziale, preoccupati per questa norma. Essa infatti provocherebbe grossi danni sia agli uccelli migratori e all'agricoltura (per le prevedibili forti concentrazioni di cacciatori in determinati habitat), sia ai cacciatori delle zone invase da "colleghi" delle altre province.

Già ora si verificano molti incidenti venatori, i cui colpevoli restano spesso impuniti anche se fanno parte di un elenco ristretto di cacciatori iscritti in quell' ATC: se passasse questa norma, chiunque potrebbe fare scorribande in tutto il Veneto restando anonimo, aumentando fortemente anche il rischio di bracconaggio.

Martedì 14 giugno e fino al 16 riprenderanno le votazioni del Consiglio regionale veneto della norma sul nomadismo venatorio.
Chi è interessato alla salvaguardia della fauna selvatica può presenziare ai lavori del Consiglio per protestare, e può chiedere immediatamente a Zaia, agli assessori e a tutti i consiglieri di bocciare gli articoli 57 e 58 del PDL 138, per esempio inviando il messaggio di questa protesta.
Leggere anche l'articolo di Andrea Zanoni

Login Form