Salvi i daini della pineta di Classe (RA)

Finalmente è stata bloccata dal consiglio di Stato la caccia ai daini di Ravenna, dopo tante proteste e azioni legali. Ecco il comunicato delle associazioni che hanno fatto il ricorso:

COMUNICATO STAMPA - 10 febbraio 2015 - Associazione Vittime della caccia

IL CONSIGLIO DI STATO FERMA LA CACCIA AI DAINI DELLA PINETA DI CLASSE SU RICORSO DELLE ASSOCIAZIONI VITTIME DELLA CACCIA, ANIMAL LIBERATION ED EARTH

Accolta l'istanza cautelare avanzata dalle Associazioni Vittime della caccia, Animal Liberartion ed Earth, in difesa dei Daini della Pineta di Classe e dei pacifici cittadini.

Il Consiglio di Stato in data 9 febbraio ha accolto l'istanza di misure cautelari ai sensi degli artt. 62 e 98, comma 1, c.p.a., presentata dagli Avvocati Andrea Rizzato e Francesco Damiani per conto di Associazione Vittime della caccia, Animal Liberation ed Earth, supportate dall'Associazione CLAMA Ravenna onlus del Coordinamento "VIVA I DAINI VIVI DELLA PINETA DI CLASSE"*.

 

L'appello al Consiglio di Stato si è reso necessario in quanto il Tar di Bologna, sezione 2°, respingeva il ricorso delle stesse (con ordinanza n.5 del 14.01.2015), condannando addirittura a spese astronomiche le Associazioni di volontariato che chiedono soltanto il rispetto e l'applicazione di norme vigenti, da troppo tempo eluse.

Secondo l'impugnata delibera provinciale di Ravenna (n.252/2014), le uccisionidegli ungulati della Pineta avrebbero dovuto concludersi alla fine di febbraio, per poi riprendere in seconda battuta anche durante l'estate, nel caso in cui non fosse raggiunto il numero stabilito di daini uccisi. Su appello delle Associazioni, in sostanza, il Consiglio di Stato ha legittimato le misure richieste contenute nel ricorso di secondo grado, accogliendole prontamente in via cautelare proprio per evitare un "danno irrimediabile", ovvero l'uccisione dei Daini della Pineta di Classe.

In Camera di Consiglio del prossimo 5 marzo auspichiamo di conoscere anche il pronunciamento di merito, oltre alla decisione circa le spese di condanna a carico delle tre Associazioni animaliste, comminate ingiustmente dal Tar di Bologna, ad avviso di AVC .

Pertanto, esclusa la presenza di cacciatori nell'area della Pineta di Classe, sarà possibile tirare un sospiro di sollievo e tornare a frequentare l'area verde pubblica serenamente. I cittadini possono così riappropriarsi di un bene comune e del diritto di vedere salvaguardati gli animali che vi abitano, di incontrarli pacificmente e di imparare a rispettarli, come buoni custodi, non come oppressori e loro carnefici.

Con la ritrovata quiete vengono così anche meno le problematiche di ordine pubblico, che hanno visto recentemente il verificarsi di gravissimi atti da parte di gente armata contro persone presenti per difendere i Daini, atti inccettabili che devono trovare risposta in altra opportuna sede.

Nell'auspicare a un ripensamento da parte della Giunta della Provincia di Ravenna per un diverso approccio a questo tema, l'Associazione Vittime della caccia è certa di poter contribuire fattivamente assieme al Coordinamento "Viva i daini vivi della Pineta di Classe" di cui fa parte, proposte serie e concrete, aprendo al contempo un necessario dibattito sul tema "contenimento della fauna selvatica" attraverso metodi incruenti.

Associazione Vittime della caccia - www.vittimedellacaccia.org

SOSTIENI IL PROGETTO del COORDINAMENTO "VIVA I DAINI VIVI DELLA PINETA DI CLASSE"
Si ringrazia Quanti hanno contribuito e Quanti vorranno ancora supportarci in questa battaglia legale e nei progetti futuri annunciati.
PER LA RACCOLTA FONDI a sostegno del COORDINAMENTO "Viva i daini vivi della pineta di Classe"* potete inviare la vostra offerta all'Associazione C.L.A.M.A. Ravenna Onlus
IMPORTANTE: la CAUSALE deve essere: "Daini della pineta di Classe"
Beneficiario : C.L.A.M.A. Ravenna Onlus
Iban: IT08F0538713108000000008396

*ATTENZIONE - C'è un'altra raccolta fondi chiamata "Daini Vivi" e messa in atto da altre persone, a cui appunto hanno dato un nome del tutto simile al nostro, confondendo non pochi donatori in buona fede. Chi vuole concretamente sostenere la battaglia legale e i progetti futuri invii il proprio contributo i riferimenti bancari sopra indicati (Clama)

Login Form