Petizione pro alternative alla sperimentazione animale

Il comitato "Montichiari contro Green Hill" promuove una petizione per chiedere all'ECVAM (European Centre for the Validation of Alternative Methods) e alla Commissione Europea una validazione veloce e consistente dei metodi alternativi alla sperimentazione animale.

 

Secondo la FDA, ente statunitense che si occupa dell'immissione dei farmaci sul mercato, il 92% delle sostanze che passano i test su animali viene scartato in fase clinica, perché tossico o inefficace sull'uomo. Inoltre, gli animali falliscono nell'81% dei casi nel rilevare i gravi effetti avversi dei farmaci. La sperimentazione animale dà risultati con reazioni impreviste nei trial clinici sull’uomo, è molto limitata e l'eccessiva fiducia sul suo potenziale può provocare danni alla salute umana, è un modello non predittivo che rallenta o fuorvia la ricerca sulle malattie, conducendo a morte evitabile migliaia di persone, non proteggendo l'uomo da composti nocivi e facendo scartare trattamenti a lui utili.Infatti, da dati di farmacovigilanza europea, 197.000 cittadini europei all'anno muoiono per gravi effetti avversi a farmaci, nonostante vengano somministrati agli animali grandi dosi dei farmaci e per lunghi periodi proprio allo scopo di rilevare i potenziali effetti collaterali rari.

Si necessita, quindi, al più presto l'impiego di metodi alternativi alla sperimentazione animale in modo da sopperire a queste necessità. Abbiamo bisogno di un impegno concreto da parte dell'Europa affinché venga fatto tutto il possibile per incentivare la ricerca di metodi alternativi.

Un metodo alternativo, anche efficace, non può essere utilizzato prima di essere validato dall'ECVAM (o da corrispettivi extra-europei), che nella maggior parte dei casi impiega animali come gold standard per comparare il potenziale modello alternativo. Inoltre, il tempo medio di validazione è di un metodo ogni 10 anni, più altri anni per il loro inserimento nelle linee guida. Se ciò non bastasse, un ricercatore che abbia un metodo alternativo maggiormente predittivo dell’animale, deve pagare 5 milioni di euro affinchè la sua scoperta venga sottoposta a validazione.

Con tale sistema si perdono tantissimi metodi alternativi attualmente utilizzabili. I metodi alternativi vanno validati testandoli con il miglior metodo disponibile e cioè con meta-analisi retrospettive derivanti da dati conosciuti sull’uomo (validazione retrospettiva). Lo stesso ECVAM ha già approvato nuove metodologie grazie a validazioni retrospettive, e i test clinici, oltre che gli studi di farmacovigilanza, possono dirci molto sulle proprietà che hanno numerosissime molecole sull’essere umano.

Firma e diffondi la petizione

Login Form