LAC Veneto invita a partecipare al referendum contro la caccia in Piemonte

Fonte: LAC Veneto.
Dopo 25 anni di ricorsi e di giustizia negata, in Piemonte è stato indetto ufficialmente il REFERENDUM REGIONALE CONTRO LA CACCIA, per porre una serie di limitazioni all’attività venatoria. L’appuntamento con il voto è per domenica 3 giugno 2012.

Per ora non si parla di abolizione, perché questo aspetto va definito a livello nazionale, ma si potranno votare IMPORTANTI LIMITAZIONI, che sono un primo passo per l’abolizione totale della caccia.

I punti che caratterizzano principalmente la richiesta referendaria sono:

1) Limitazione del numero delle specie cacciabili da 25 a 4.
2) Divieto di caccia nella giornata di domenica.
3) Divieto assoluto di cacciare su terreno coperto da neve.
4) Limitazione ai privilegi concessi alle aziende faunistico-venatorie.

Al quesito referendario occorrerà rispondere SI' affinché vengano accolte queste limitazioni. Molte persone non sono a conoscenza di questo importante appuntamento, ma molte persone sono contro la caccia, perché uccidere gli animali non può essere considerato un divertimento, la caccia è uno “sport” crudele che non ha più motivo di esistere ed inoltre è anche causa di molte morti umane e di gravi danni ambientali.

L’obiettivo più importante è portare alle urne almeno il 50% più uno degli aventi diritto al voto del Piemonte. I cacciatori infatti si stanno organizzando per aumentare l’astensionismo, non avendo argomentazioni per contrastare il referendum.

Il 3 di GIUGNO votate SI’ per un mondo più civile e pacifico. DIFFONDI QUESTO MESSAGGIO AGLI AMICI DEL PIEMONTE

Login Form